Benvenuti

A distanza di anni la tradizione non s’è mai persa perché a condurre il grotto è la stessa famiglia da 3 generazioni.

Nel 2010 Sibylle si affianca al padre Angelo, figlio di Arnoldo Mascetti, il quale ha portato avanti l’attività dal 1979 migliorando, rinnovando, quello che un tempo poteva essere solo un ritrovo estivo, trasformandolo in un tipico grotto dove poter gustare diverse specialità tutto l’anno.

Oggi ad avere le redini è Sibylle che con entusiasmo e secondo una propria filosofia, continua ad offrire quello che da sempre si è proposto e distinto già nel passato.

Eventi

Incontri di lavoro, occasioni come compleanni o matrimoni, cene di classe avete la possibilità di discutere con noi menu diversi.

Famiglie

I bambini sono ben accetti, esternamente abbiamo a disposizione un angolo giochi a vista dei genitori, e nei dintorni si possono osservare simpatiche galline, oche, anatre e i nostri cavalli al pascolo.

Breve Storia

La storia del Grotto Alpe Valà comincia nel 1934 quando Virginia (figlia dell’artista Ambrogio Preda 1839-1906) e Giovanni Frigerio ebbero la geniale idea di comperare l’Alpe Valà.
Loro, paesani a Soragno, cominciarono così a salire all’alpe per il periodo estivo, con capre, mucche e tutto il loro bestiame.
Qui producevano formaggini e burro che andavano a vendere al mercato di Lugano ed in poco tempo si fecero conoscere.
Fu così che incominciarono a salire fin su all’Alpe Valà gente del paese e della città i quali dopo una bellissima e piacevole passeggiata potevano acquistare i prodotti genuini o fermarsi a gustarli sul posto, accompagnati dalla famosa gazzosa o da un bicchiere di vino.
A distanza di qualche anno e arriviamo al 1938, la figlia Italina descriveva questo luogo così:
“Nella selva incantata sopra Cadro, a pochi passi da Lugano, sorge l’Alpe Valà dove gli amanti della natura e gli appassionati della montagna possono trovare un momento di pace e serenità”
Italina sposata con Arnoldo Mascetti decide di aprire qui un Grotto.
Il marito Arnoldo sarà il primo esercente della Valà.
Si potrebbe paragonare la struttura di allora ad un agriturismo del giorno d’oggi.
La domenica e i giorni festivi, dopo il pranzo, Arnoldo, Virginia con il figlio Pepin allietavano i clienti con mandolino, chitarra e canti popolari a cui tutti potevano partecipare.
Negl’anni '50-'60 famoso era il gelato “dal Pepin dra Valà” che anche per l’occasione della festa di Ss. Pietro e Paolo veniva venduto all’Alpe della Bolla durante la sagra.

Iscriviti alla newsletter: e-mail